Nuovo Sconti! Montecristo, isola proibita Visualizza ingrandito

Montecristo, isola proibita

Nuovo

“Migliaia di cicale invisibili fra i cespugli facevano sentire il loro mormorio monotono e continuo. A ciascun passo di Edmondo, dal riscaldato granito, fuggivano mosconi che sembravano smeraldi” (Da “Il conte di Montecristo”)

Maggiori dettagli

50 Articoli

10,00 €

-5,00 €

15,00 €

Scheda tecnica

Pagine 80
Autore Orlandini Lidia
Formato 15 x 21 cm
ISBN 9788898310791
Anno 2017

Dettagli

Oggi l’isola di Montecristo è il regno degli uccelli, degli insetti, delle vipere e delle capre, che si aggirano fra i lecci e fra gli arbusti sempreverdi in un ambiente naturale di estrema suggestione, arricchito dall’avvolgente profumo della macchia mediterranea e dal musicale frangersi del mare sulle coste, ma quelle stesse rocce, quegli stessi lecci, quegli stessi anfratti sono contessuti di favole e di storia che scorrono sulle ali del tempo, allora Montecristo è l’isola del mito e della storia, del tempio di Giove e dell’imponente chiesa di Cristo, è l’isola abitata da monaci e da pagani, da corsari e da reclusi, è l’sola di Dantès, è l’isola del tesoro nascosto e, in questo contesto, anche l’isola appare per quella che è, un tesoro, una “gemma” unica, preziosa, un “solitario”, da ammirare e preservare per le generazioni future, perché anch’esse possano continuare a credere che esiste l’isola del tesoro o, più precisamente, che esiste “il tesoro di Montecristo”.

Recensioni

Valutazione 
04/07/2017

Montecristo

Vi consiglio di leggere l’ultimo libro di Lidia Orlandini sulla storia dell’isola di Montecristo, dagli Etruschi fino ad oggi, passando per Dumas … una prosa fresca, scorrevole … si legge in un fiato e si scoprono inediti che solo Lidia sa scovare e regalarci come perle

Scrivi la tua recensione !

Scrivi una recensione

Montecristo, isola proibita

Montecristo, isola proibita

“Migliaia di cicale invisibili fra i cespugli facevano sentire il loro mormorio monotono e continuo. A ciascun passo di Edmondo, dal riscaldato granito, fuggivano mosconi che sembravano smeraldi” (Da “Il conte di Montecristo”)

Scrivi una recensione