Frammenti di me. Poesie 2000-2008 Visualizza ingrandito

Frammenti di me. Poesie 2000-2008

49

Nuovo

Leggere poesia oggi non è obsoleto né inutile. La poesia è l'espressione dei moti interiori dell'anima a contatto con la realtà esterna, e come tale rispecchia la vasta gamma dei sentimenti dell'uomo moderno. Soprattutto quando è vera poesia. Come questa di Michele Bianchi, ragazzo che vive al maschile l'amore, gli eventi, le problematiche dei nostri giorni, e medita sui valori e sulle motivazioni dell'esistere, in versi liberi, naturalmente, perché questa è la forma espressiva che più gli è congeniale.
 
 

"Quella notte"


Andavo cercando quella notte
una candida strada retta
contorta a momenti.

Non semplice sentiero di sterro
non semplice mulattiera basolata.

Vi trovai un ultimo lembo di vita
lacerato, sfilacciato, stracciato

e la morte,
intatta, vergine
come sempre, la morte

con le sue tristi voragini
a inghiottire ogni speranza
a trascinare con sé ogni illusione

e la preghiera,
voce di richiamo a credere
rifugio ove cercare conforto,

anfratto ove trovare quiete,
anfratto ove scorgere dei perché
anfratto ove cercare te. 

Maggiori dettagli

395 Articoli

10,00 €

Scheda tecnica

Pagine 96 pp.
Autore Michele Bianchi
Formato 15 x 21 cm
ISBN 9788889818503
Anno 2008

Dettagli

Leggere poesia oggi non è obsoleto né inutile. La poesia è l'espressione dei moti interiori dell'anima a contatto con la realtà esterna, e come tale rispecchia la vasta gamma dei sentimenti dell'uomo moderno. Soprattutto quando è vera poesia. Come questa di Michele Bianchi, ragazzo che vive al maschile l'amore, gli eventi, le problematiche dei nostri giorni, e medita sui valori e sulle motivazioni dell'esistere, in versi liberi, naturalmente, perché questa è la forma espressiva che più gli è congeniale.
 
 

"Quella notte"


Andavo cercando quella notte
una candida strada retta
contorta a momenti.

Non semplice sentiero di sterro
non semplice mulattiera basolata.

Vi trovai un ultimo lembo di vita
lacerato, sfilacciato, stracciato

e la morte,
intatta, vergine
come sempre, la morte

con le sue tristi voragini
a inghiottire ogni speranza
a trascinare con sé ogni illusione

e la preghiera,
voce di richiamo a credere
rifugio ove cercare conforto,

anfratto ove trovare quiete,
anfratto ove scorgere dei perché
anfratto ove cercare te. 

Recensioni

Scrivi una recensione

Frammenti di me. Poesie 2000-2008

Frammenti di me. Poesie 2000-2008

Leggere poesia oggi non è obsoleto né inutile. La poesia è l'espressione dei moti interiori dell'anima a contatto con la realtà esterna, e come tale rispecchia la vasta gamma dei sentimenti dell'uomo moderno. Soprattutto quando è vera poesia. Come questa di Michele Bianchi, ragazzo che vive al maschile l'amore, gli eventi, le problematiche dei nostri giorni, e medita sui valori e sulle motivazioni dell'esistere, in versi liberi, naturalmente, perché questa è la forma espressiva che più gli è congeniale.
 
 

"Quella notte"


Andavo cercando quella notte
una candida strada retta
contorta a momenti.

Non semplice sentiero di sterro
non semplice mulattiera basolata.

Vi trovai un ultimo lembo di vita
lacerato, sfilacciato, stracciato

e la morte,
intatta, vergine
come sempre, la morte

con le sue tristi voragini
a inghiottire ogni speranza
a trascinare con sé ogni illusione

e la preghiera,
voce di richiamo a credere
rifugio ove cercare conforto,

anfratto ove trovare quiete,
anfratto ove scorgere dei perché
anfratto ove cercare te. 

Scrivi una recensione