Leggende Maremmane Illustrate Visualizza ingrandito

Leggende Maremmane Illustrate

139

Nuovo

Il fatto che di questi tempi, il mitico libro di Fenenna Bartolommei “Leggende Maremmane”, sia stato fatto oggetto da parte di giovanissimi lettori, di uno studio e di una rielaborazione, ci fa  piacere.
Un duplice piacere: quello, come amici della scomparsa giornalista scrittrice, di rivedere questa sua amata creatura libraria, prendere nuova vita e quello, come antropologi  culturali, di registrare un’operazione tesa a far nascere nelle nuove generazioni una più forte coscienza verso le tradizioni. Il rinascere di un interesse, del resto mai sopito, anche verso le “leggende maremmane”, nel nostro caso “quelle della Fenenna”.

Paolo Pisani

 “La storia ci racconta il fatto, la tradizione, il costume; la leggenda vive una sua vita segreta e strana, ai margini dell’una e dell’altra, riuscendo talvolta ad apparire più vera della verità stessa poiché ci narra delle candide credenze di un popolo e quindi della sua storia. La facilità del mito è insito nella razza umana: nell’era prescientifica è servito all’uomo per spiegare a se stesso le misteriose forze della natura e la potenza sconosciuta dell’Io; è servito all’eroe come valido passaporto per l’immortalità, e serve forse all’uomo moderno che, a sua insaputa, si porta anch’egli nell’intimo, come polla nascosta, il gusto dell’irreale, a rivestire di tanto in tanto di sorprendente, e a velare appena di mistero, la banalità e la cruda franchezza della vita di oggi.
La storia è vera, la leggenda è verosimile ma, in definitiva, è soltanto questo che importa a chi va in cerca delle antiche, semplici e ferventi credenze di casa sua”.

Fenenna Bartolommei

Maggiori dettagli

Questo prodotto non è al momento disponibile. Contattaci per info allo 0564 - 416937 o scrivi a "ordini@innocentieditore.com"

15,00 €

Scheda tecnica

Pagine 88 pp.
Autore Fenenna Bartolommei (illustrazioni di Marco Cappuccini
Formato 16
ISBN 9788889818718
Anno 2009

Dettagli

Il fatto che di questi tempi, il mitico libro di Fenenna Bartolommei “Leggende Maremmane”, sia stato fatto oggetto da parte di giovanissimi lettori, di uno studio e di una rielaborazione, ci fa  piacere.
Un duplice piacere: quello, come amici della scomparsa giornalista scrittrice, di rivedere questa sua amata creatura libraria, prendere nuova vita e quello, come antropologi  culturali, di registrare un’operazione tesa a far nascere nelle nuove generazioni una più forte coscienza verso le tradizioni. Il rinascere di un interesse, del resto mai sopito, anche verso le “leggende maremmane”, nel nostro caso “quelle della Fenenna”.

Paolo Pisani

 “La storia ci racconta il fatto, la tradizione, il costume; la leggenda vive una sua vita segreta e strana, ai margini dell’una e dell’altra, riuscendo talvolta ad apparire più vera della verità stessa poiché ci narra delle candide credenze di un popolo e quindi della sua storia. La facilità del mito è insito nella razza umana: nell’era prescientifica è servito all’uomo per spiegare a se stesso le misteriose forze della natura e la potenza sconosciuta dell’Io; è servito all’eroe come valido passaporto per l’immortalità, e serve forse all’uomo moderno che, a sua insaputa, si porta anch’egli nell’intimo, come polla nascosta, il gusto dell’irreale, a rivestire di tanto in tanto di sorprendente, e a velare appena di mistero, la banalità e la cruda franchezza della vita di oggi.
La storia è vera, la leggenda è verosimile ma, in definitiva, è soltanto questo che importa a chi va in cerca delle antiche, semplici e ferventi credenze di casa sua”.

Fenenna Bartolommei

Recensioni

Scrivi una recensione

Leggende Maremmane Illustrate

Leggende Maremmane Illustrate

Il fatto che di questi tempi, il mitico libro di Fenenna Bartolommei “Leggende Maremmane”, sia stato fatto oggetto da parte di giovanissimi lettori, di uno studio e di una rielaborazione, ci fa  piacere.
Un duplice piacere: quello, come amici della scomparsa giornalista scrittrice, di rivedere questa sua amata creatura libraria, prendere nuova vita e quello, come antropologi  culturali, di registrare un’operazione tesa a far nascere nelle nuove generazioni una più forte coscienza verso le tradizioni. Il rinascere di un interesse, del resto mai sopito, anche verso le “leggende maremmane”, nel nostro caso “quelle della Fenenna”.

Paolo Pisani

 “La storia ci racconta il fatto, la tradizione, il costume; la leggenda vive una sua vita segreta e strana, ai margini dell’una e dell’altra, riuscendo talvolta ad apparire più vera della verità stessa poiché ci narra delle candide credenze di un popolo e quindi della sua storia. La facilità del mito è insito nella razza umana: nell’era prescientifica è servito all’uomo per spiegare a se stesso le misteriose forze della natura e la potenza sconosciuta dell’Io; è servito all’eroe come valido passaporto per l’immortalità, e serve forse all’uomo moderno che, a sua insaputa, si porta anch’egli nell’intimo, come polla nascosta, il gusto dell’irreale, a rivestire di tanto in tanto di sorprendente, e a velare appena di mistero, la banalità e la cruda franchezza della vita di oggi.
La storia è vera, la leggenda è verosimile ma, in definitiva, è soltanto questo che importa a chi va in cerca delle antiche, semplici e ferventi credenze di casa sua”.

Fenenna Bartolommei

Scrivi una recensione